SCOPRI LA TUA PROSSIMA META

Destinazione

Dal

Al

Viaggiando per Trapani e dintorni

Viaggiando per Trapani e dintorni

Trapani: La piccola cittadina che sorge nell’estrema punta Occidentale della Sicilia. Arte e Cultura si incastrano perfettamente. Basta camminare lungo il centro storico per notare le tante Chiese presenti nel territorio. La Cattedrale di San Lorenzo, sede vescovile, si trova su Corso Vittorio Emanuele. Essa custodisce la statua “Il Cristo Morto” di Giacomo Tartaglia realizzata con un tipo di marmo dello stesso colore dell’incarnato, che rende la statua molto realistica.

La rinomata Chiesa delle Anime del Purgatorio è la sede dei 20 gruppi scultorei della processione religiosa dei misteri durante la settimana santa. La processione rappresenta una ricostruzione della Via Crucis , inizia alle ore 14 del Venerdì Santo e termina 24 ore dopo. Passeggiando impossibile non notare Palazzo Cavarretta e Torre dell’Orologio, chiamata così per la presenza dell’orologio astronomico con quadranti del sole e della luna, recentemente restaurato. Il Palazzo, invece è strutturato su tre ordini, in alto vi sono le statue della Madonna di Trapani, di San Giovanni Battista e di Sant’Alberto, opere di Giuseppe Nolf. Appuntamento al tramonto a Torre Ligny, la punta della città e della Sicilia, bagnata dai due mari. La Torre fu eretta a difesa della città dalle incursioni dei corsari barbareschi (XII sec.)

Erice: Sorge sulla cima del Monte San Giuliano. Da Trapani è possibile salire a Erice anche mediante funivia. Il borgo medievale è caratterizzato da piccole e tortuose stradine e particolari cortili dove vi sono piccoli negozi dove poter acquistare le meravigliose ceramiche e tappeti ericini. Occorre poco tempo per girare Erice e di certo non si può non fermarsi ad ammirare il Castello di Venere, Torretta Pepoli e il Balio, da dove si può ammirare un incantevole panorama su Trapani.

Andare ad Erice in bici ? Nessun problema con Erice Bike Tour che grazie alla salita in funivia vi permetterà di godere del panorama della vetta senza troppo fatica

Saline di Mothia Sul litorale che collega Trapani con Marsala, di fronte l’isola di Mothia si trovano le Saline che caratterizzano le coste del trapanese insieme ai mulini a vento, dando vita a paesaggi naturalistici incantevoli. Fa da protagonista il Mulino Ettore Infersa, ancora funzionante con i suoi ingranaggi, il suo ruolo principale è quello di sfruttare la forza del vento per attivare le macine destinate alla destinazione del sale. Inoltre è possibile avere l’opportunità di percorrere con un “vaporetto” lo Stagnone e fermarvi sull’isoletta di Mothia, un piccolo parco archiologico. Le saline possono essere visitate in autonomia oppure grazie a uno dei nostri tour personalizzati sia in bike che in comodi minivan.

Marsala Da Mothia è possibile raggiungere il centro di Marsala in circa 20 minuti. Il centro storico di Marsala è chiamato dai cittadini “Cassaro” e adiacente a Porta di Mare, all’interno delle mura si trova il Mercato del Pesce restaurato da recente. Si può comprendere come il commercio ittico sia ancora una grande risorsa locale. La sera il mercato diventa luogo di raduno per i giovani, infatti vi sono piccoli e caratteristici bar. Andando a Marsala occorre assaggiare il vino locale e numerose sono le cantine presenti, le quali organizzano anche diverse visite in cantina, delle vere e proprie wine experience come nelle Cantine Alagna

Isole Egadi Nelle tre isole di Favignana, Levanzo e Marettimo la natura fa da padrona, acque cristalline e scogli. Favignana, chiamata la “farfalla sul mare” è l’isola più grande ed attrezzata. Cala Azzurra, Cala Rossa, Preveto, tutte zone dell’isola dove andare per godersi l’acqua limpida e azzurra. Favignana è anche nota per la pesca del tonno ed è possibile visitare la tonnara con una guida del luogo. Levanzo è l’isola più piccola dell’arcipelago, ma non è da meno per chi ama stare a contatto con la natura ed estraniarsi dal caos quotidiano. Il paesino si concentra tutto vicino al porto. Possibile fare il giro dell’isola in barca così da poter scoprire tutte le insenature, ma anche Cala Minnola con un’immensa pineta, il Faraglione, Cala Tramontana. Meta turistica dell’isola è sicuramente il sito archeologico della “Grotta del Genovese” dove vi sono raffigurati graffiti che risalgono a 11-12 mila anni A.C., ovvero alla fase finale del Paleolitico. Marettimo è l’isola più lontana e racchiude le caratteristiche essenziali delle due isole precedenti. Dalla natura incontaminata, ma allo stesso tempo attrezzata. Immancabile la visita al Castello di Punta Troia e alle Case Romane.

Se avete poco tempo a disposizione vi consigliamo una delle tante escursioni in gomone, caicco o in yacht organizzate da Trapani o Marsala. Le esperienze che vi proponiamo vi permettono infatti di vedere le due isole principali sia a terra che ovviamente durante le soste nelle calette più belle e particolari.

San Vito Lo Capo La spiaggia di San Vito Lo Capo è ormai nota in Italia, più volte premiata con Bandiera Blu e Bandiera Verde. Posizionata ai piedi del Monte Cofano, affascina chiunque per la limpidezza dell’acqua. Camminando lungo il corso è da notare anche il Santuario, dove d’estate la funzione religiosa viene svolta nel giardino esterno. Al ritorno fra Castelluzzo e Macari non perdetevi Baia Santa Margherita, la Caletta del Bue Marino e ovviamente la Riserva dello Zingaro un tratto di costa completamente incontaminata e dalle calette più belle delle costa. Possibile raggiungere la Riserva sia da San Vito Lo Capo che da Castellamare con diversa disponibilità di orari.

Faraglioni di Scopello Pochi abitanti, ma in estate il borgo si riempie di turisti. Punto di attrazione di Scopello, sono senza dubbio i Faraglioni che emergono dall’acqua cristallina. Sicuramente da ammirare da un’imbarcazione, potendo anche conoscere e navigare lungo la costa fino a raggiungere la Riserva dello Zingaro. Visitabile anche la tonnara anche con una guida.

Segesta Il sito archeologico più grande d’Europa vive una stagione di scoperte, dovute a scavi scientifici che mirano a restituire un’immagine complessiva della città ed è possibile visitarlo facendo un vero un tuffo nel passato. Rilevante il tempio greco di Segesta, costruito durante l’ultimo trentennio del V secolo, nonostante gli elementi costruttivi e le proporzioni della costruzione si riferiscano con chiarezza al periodo classico dell’architettura greca, il tempio presenta aspetti peculiari sui quali la storiografia non esprime pareri unanimi. Inoltre, ogni estate è possibile rivivere la magia del teatro di Segesta grazie alle rappresentazioni che vi vengono svolte. Sul palco si alternano rappresentazioni classiche e moderne, drammi antichi, spettacoli di danza e lirica.

Prodotti tipici Si sa in Sicilia si mangia bene ed è per questo che oltre alle mete più vicine alla meravigliosa Trapani, vogliamo anche consigliarvi ciò che a tavola non potrà mancare durante il vostro soggiorno qui. Il cous cous di pesce è l’insieme di tutte le culture che si sono susseguite in questo territorio, in un unico piatto. Andando a Scopello non potrete non pranzare con il tipico “pane cunzato”, che racchiude tutti i sapori di questa terra. Si tratta di pane con formaggi locali, pomodoro, acciughe.. Dolce tipico ericino le “genovesi”, realizzate con una frolla particolare e solitamente farciti con crema pasticcera o ricotta. Altro dolce tipico della zona sono i cannoli con la ricotta!

Sport e Benessere Per gli amanti del trekking e climbing ci sono diverse esperienze da poter fare. Il territorio infatti si presta bene al trekking, sia nelle isole o anche a Erice. Climbing sul monte Cofano.. vengono da ogni parte d’Italia per scalare il Monte e potersi godere un panorama unico sul mare. Chi ha invece voglia di rilassarsi, sempre vicino Trapani e precisamente a Segesta, vi sono le terme anche naturali che offrono tantissimi servizi. Oltre poi alle molteplici strutture sparse nella zona