SCOPRI LA TUA PROSSIMA ESCURSIONE

Destinazione

Dal

Al

Filicudi Alicudi da scoprire

Filicudi Alicudi da scoprire

Affascinanti e suggestive, Filicudi e Alicudi sono due delle sette perle dell’Arcipelago delle Isole Eolie, situato a nord della costa siciliana, nel Mar Tirreno meridionale. Di origine vulcanica, emergono dalle acque come due schegge forgiate dal fuoco, selvagge e con una natura incontaminata: Alicudi e Filicudi sono le isole più lontane dell’arcipelago ma sono una meta ideale per una vacanza in totale relax, lontana dal caos e dalla vita mondana. Andiamo alla scoperta di queste due incantevoli isole!

Panorami da sogno e acque cristalline

Anticamente denominata Phoenicusa, termine che vuol dire ricca di felci, Filicudi offre ai visitatori panorami da sogno e acque cristalline, e una natura selvaggia e incontaminata tipica delle isole vulcaniche. I piccoli borghi presenti sull’isola, Filicudi Porto, Valdichiesa e Pecorini Mare, sono collegati da un’unica strada asfaltata, mentre il resto dell’isola è caratterizzato da antiche mulattiere e sentieri immersi nella vegetazione.

Poiché non ci sono vere e proprie spiagge, per visitare al meglio Filicudi è consigliabile usare la barca, mezzo ideale per poter esplorare la costa ricca di piccole insenature e spiaggette, deliziose e molto riservate, che offrono scorci di straordinaria bellezza.

Questi anfratti prendono il nome dalle loro forme bizzarre: da vedere il faraglione della Canna, lo scoglio dell’Elefante e quello della Fortuna, l’isolotto di Montenassari, l’arco naturale di Punta Perciato e la grotta del Bue Marino, luoghi suggestivi siti in tratti di mare fantastici. Aggirarsi tra gli scogli La Canna o visitare l'interno della Grotta del Bue Marino è un’esperienza unica, che poche isole possono offrire. Da non dimenticare la visita subacquea al Museo archeologico sottomarino, che solo Filicudi può vantare.

Nell’entroterra imperdibile è una visita al promontorio di Capo Graziano, dove si possono ammirare i resti del villaggio preistorico scoperto nel 1952, il paesino fantasma di Zucco Grande e il Monte Fossa delle Felci. Per vedere lo spettacolo del sole che si tuffa nel mare non può mancare la passeggiata panoramica fino al belvedere di Stimpagnato, da fare all’ora del tramonto. Qualcosa di spettacolare!

L’isola è abbastanza grande e attira numerosi turisti anche per i numerosi servizi che offre: nella zona del porto si trova l'hotel Phenicusa, poco distante vi sono un centro estetico, una piccola boutique, un ristorante sul mare che è anche bar, pasticceria e che dispone di camere con vista panoramica sulla rada di Filicudi. E’ anche presente una farmacia e un Centro Nautico per noleggiare barche, scooter e gommoni.

Alicudi, terra selvaggia e solitaria

Selvaggia e solitaria, Alicudi si presenta agli occhi del visitatore in tutta la sua struggente bellezza, vera e autentica. Ricoperta di erica, da cui ha origine il nome, l’isola vulcanica è considerata la più incontaminata in assoluto di tutto l’arcipelago eoliano. L’assenza di strade carrabili e il divieto di costruire data la sua particolare morfologia obbliga residenti e turisti a muoversi a piedi, senza auto o motorini. Per visitare l’isola è necessario quindi fare lunghe passeggiate percorrendo i sentieri e le antiche vie mulattiere.

L’unico mezzo di trasporto sono gli asini, adibiti al trasporto bagagli. Attraverso affascinanti vicoletti e scalinate di pietra lavica formatesi nel corso dei secoli si può andare alla scoperta di panorami mozzafiato, come quello che si può godere raggiungendo il cratere della Montagnola. Gli appassionati di pesca subacquea possono dedicarsi alla ricerca di cernie e ricciole attorno allo Scoglio della Jalera. Invece, per chi ama lo snorkeling, può praticarlo nella Spiaggia Bazzina, la più adatta all’esplorazione dei fondali.

Gli agglomerati presenti su Alicudi in tutto sono sei: Contrada Pianicello, abitata da una colonia di tedeschi, Contrada Sgurbio, ad est dell’isola e dove si trovano 5 case che portano i nomi dei cinque sensi, San Bartolo, Bazzina, raggiungibile con una barca, Contrada Tonna e Alicudi porto, dove si trovano l’ufficio postale, le due uniche botteghe di generi alimentari, una rivendita di giornali ed un albergo bar ristorante.

Sull’isola, raggiunta soltanto da pochi anni dalla corrente elettrica, vi abitano circa un centinaio di persone, che conducono una vita semplice, lontano dalla tecnologia, a contatto con il mare e la terra, che amano in maniera sviscerata. La pace e la serenità di questo posto fanno apparire Alicudi un piccolo paradiso in cui il tempo sembra essersi fermato!

Come avete potuto vedere, Filicudi e Alicudi sono due perle dell’arcipelago Eoliano che riservano delle autentiche sorprese!